Documento Unico di Programmazione

2019 - 2021

 

© Tutti i diritti riservati

Riproduzione vietata

 

 

http://www.celservizi.it

assistenza@celservizi.it

 

 

VISUALIZZA TUTTI I NOSTRI PRODOTTI

 

 

Le informazioni contenute in questo manuale sono soggette a modifiche senza preavviso. Se non specificato diversamente, ogni riferimento a società, nomi, dati e indirizzi utilizzati nelle riproduzioni delle schermate e negli esempi è puramente casuale ed ha il solo scopo di illustrare l’uso del prodotto CEL SERVIZI. Nessuna parte di questo manuale può essere riprodotta in qualsiasi forma o mezzo elettronico meccanico, per alcun uso, senza il permesso scritto della CEL SERVIZI. Le informazioni contenute in questo manuale sono coperte da brevetti effettivi o in corso di registrazione, da marchi, copyright o altri diritti di proprietà. Tutti i marchi citati sono registrati dalle rispettive case produttrici.

 

 

 

DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE (ex art. 170 TUEL)

INDICE DELLE MAPPE DEL SOFTWARE

Presentazione del prodotto

Le novità di questa versione

IMPORTAZIONE DATI

Analisi del territorio e delle strutture

Analisi delle entrate tributarie

Analisi demografica

Approvazione e scadenze PRG / PSC

Aree pubbliche

Attrezzature

Avanzo / Disavanzo

Avanzo / Disavanzo

Coerenza dei vincoli del Patto di stabilità

Coerenza dei vincoli del Pareggio di Bilancio

Comparti non residenziali

Comparti residenziali

Dati Ente

Dati finanziari per equilibri di bilancio

Descrizione e finalità delle Missioni

Enti ed organismi strumentali

Entrate D.Lgs. 118/2011

Entrate di previsione

Equilibrio del Bilancio

Fondo di cassa

Fondo Pluriennale Vincolato

Gestione del patrimonio immobili

Gruppo Pubblico Locale - Organismi partecipati

Il reperimento e l'impiego di disponibilità di risorse straordinarie e in conto capitale

Impostazioni DUP

Indebitamento

LL.PP. da realizzare nel triennio

LL.PP. in corso di realizzazione

Obiettivi dei Programmi per Missione

Obiettivi per Missione

P.E.E.P.

P.I.P.

Parametri di Deficitarietà

Parametri di deficitarietà strutturale (Atto di indirizzo)

Personale / Popolazione

Personalizzazione Importazione

Piano delle alienazione e delle valorizzazioni

Popolazione - Trend Storico

Presupposti della pianificazione urbanistica

Programma del Fabbisogno del personale

Quadro Riassuntivo delle entrate

Reti

Riepilogo Entrata Spesa

Risorse assegnate alle Missioni

Risorse umane - Personale in servizio al 31/12/2015

Risultati delle gestioni precedenti

Servizi a domanda individuale

Servizi Istituzionali

Servizi Produttivi

Sostenibilità e andamento tendenziale dell'indebitamento

Spese D.Lgs. 118/2011

Spese di previsione

Spese per macroaggregati

Strumenti di pianificazione adottati

Strumenti di programmazione negoziata

Immobili dell'ente

Strutture scolastiche

Superfici del piano vigente

Verifica Avanzo Presunto

GUIDA OPERATIVA GENERALE

Utilità

Help

Internet

Avvertenze

 

 

DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE (ex art. 170 TUEL)

 

RIFERIMENTI NORMATIVI

L’Art. 170 del TUEL, così come modificato dal D.Lgs. n. 126/2014, introduce per gli enti locali l’obbligo di adozione del DUP, Documento Unico di Programmazione, che ha carattere generale e costituisce la guida strategica ed operativa nonché atto presupposto indispensabile per l'approvazione del bilancio di previsione. Si tratta di un documento di programmazione completamente nuovo, che riveste un ruolo centrale nella gestione dell’ente locale e per il quale è prevista una specifica tempistica di adozione, infatti: entro il 31 luglio di ciascun anno la Giunta presenta al Consiglio il DUP per le conseguenti deliberazioni; entro il 15 novembre di ciascun anno, con lo schema di delibera del bilancio di previsione finanziario, la Giunta presenta al Consiglio la nota di aggiornamento del DUP.

Per quanto riguarda la struttura ed il contenuto del DUP, lo stesso art. 170 TUEL rinvia al principio applicato della programmazione di cui all'allegato n. 4/1 del D.Lgs n. 118/2011, che ne disciplina il contenuto minimo; per gli enti con popolazione fino a 5.000 abitanti è inoltre previsto il DUP semplificato.

 

LA SOLUZIONE

Il software facilita ed abbrevia, attraverso una semplice e intuitiva procedura di immissione dati, la compilazione del DUP secondo le indicazioni dell’art. 170 TUEL e del principio applicato della programmazione di cui all'allegato n. 4/1 del D.Lgs. n. 118/2011.

Il programma propone un semplice “percorso metodologico” attraverso il quale reperire le informazioni utili alla creazione del Documento, articolato in Sezione Strategica e Sezione Operativa, in Missioni ed in Programmi, e con evidenza della programmazione di opere pubbliche, fabbisogno di personale ed alienazioni e valorizzazioni del patrimonio.

 

LA RELAZIONE

Le parti descrittive della relazione sono già precompilate nei contenuti generali, con la possibilità di modificare e/o integrare i testi, riducendo così a pochi minuti i tempi necessari per il completamento del lavoro.

Il prodotto permette di effettuare una reale programmazione della gestione, anche attraverso la simulazione di diverse opzioni di programmazione, il tutto con tempi estremamente contenuti.

 

Funzionalità del software

 

-          Redazione del Documento Unico di Programmazione secondo la vigente normativa.

-          Rapida costruzione del documento attraverso la modalità di generazione e compilazione automatica.

-          Costruzione personalizzata di uno o più Missioni/Programmi relativi alle attività di maggiore rilevanza.

-          Storicizzazione delle informazioni per l’eventuale utilizzo futuro.

-          Salvataggio delle stampe in formato pdf e della relazione nei formati rtf e pdf.

 

 

INDICE DELLE MAPPE DEL SOFTWARE

 

 

Presentazione del prodotto

 

 

L’Art. 170 del TUEL, così come modificato dal D.Lgs. n. 126/2014, introduce per gli enti locali l’obbligo di adozione del DUP, Documento Unico di Programmazione, che ha carattere generale e costituisce la guida strategica ed operativa nonché atto presupposto indispensabile per l’approvazione del bilancio di previsione.  Si tratta di un documento di programmazione completamente nuovo, che riveste un ruolo centrale nella gestione dell’ente locale e per il quale è prevista una specifica tempistica di adozione, infatti: entro il 31 luglio di ciascun anno la Giunta presenta al Consiglio il DUP per le conseguenti deliberazioni; entro il 15 novembre di ciascun anno, con lo schema di delibera del bilancio di previsione finanziario, la Giunta presenta al Consiglio la nota di aggiornamento del DUP.

 

Per quanto riguarda la struttura ed il contenuto del DUP, lo stesso art. 170 TUEL rinvia al principio applicato della programmazione di cui all’allegato n. 4/1 del D.Lgs n. 118/2011, che ne disciplina il contenuto minimo; per gli enti con popolazione fino a 5.000 abitanti è inoltre previsto il DUP semplificato.

 

Il software facilita ed abbrevia, attraverso una semplice e intuitiva procedura di immissione dati, la compilazione del DUP secondo le indicazioni dell’art. 170 TUEL e del principio applicato della programmazione di cui all’allegato n. 4/1 del D.Lgs. n. 118/2011.

Il programma propone un semplice "percorso metodologico"  attraverso il quale reperire le informazioni utili alla creazione del Documento, articolato in Sezione Strategica e Sezione Operativa, in Missioni ed in Programmi, e con evidenza della programmazione  di opere pubbliche, fabbisogno di personale ed alienazioni e valorizzazioni del patrimonio.

Le parti descrittive della relazione sono già precompilate nei contenuti generali, con la possibilità di modificare e/o integrare i testi, riducendo  così a pochi minuti i tempi necessari per il completamento del lavoro.

Il prodotto permette di effettuare una reale programmazione  della gestione, anche attraverso la simulazione di diverse opzioni di programmazione, il tutto con tempi estremamente contenuti.

 

 

Le novità di questa versione

 

 

Una serie di importanti novità per lavorare meglio e rispettare gli obblighi di legge, tra cui:

 

Giornale delle comunicazioni di questo prodotto: il  giornale delle comunicazioni, attivabile dal menù Help, consente all’utente di visualizzare, in qualsiasi momento, le modifiche normative e/o tecniche apportate al prodotto;

Modalità di stampa in formato .pdf: per salvare le stampe (relazioni, mappe, tabelle, ecc...) direttamente in formato tipografico non modificabile utile per la pubblicazione sul sito web o da copiare sul cd rom;

Funzione correzione automatica: per rilevare e correggere automaticamente gli errori di battitura, le parole con errori di ortografia, gli errori grammaticali;

Ottimizzatore di stampa: per ottimizzare la dimensione dei documenti ed i salti di pagina in presenza di tabelle, grafici ed immagini;

Nuovo menu di lancio: per facilitare l'avvio delle procedure Cel servizi;

 

Ulteriori informazioni

 

 

IMPORTAZIONE DATI

 

 

Selezionando la prima opzione della tendina, il programma permette il recupero dei dati dagli altri software Cel Servizi.

 

La procedura di import dei dati si compone di due fasi:

 

Importazione dati - Nota integrativa al Bilancio di Previsione 2019 (Entrata - Spesa - Servizi)

Importazione dati - Nota integrativa al Bilancio di Previsione 2018 (Entrata - Spesa - Servizi)

Nota Integrativa al Bilancio di Previsione 2019 (Entrate - Spesa - Servizi)

Nota Integrativa al Bilancio di Previsione 2018 (Entrate - Spesa - Servizi)

Rendiconto - File XML ministeriale formato D.Lgs. 118/2011 anno 2018

Rendiconto - File XML ministeriale formato D.Lgs. 118/2011 anno 2017

Rendiconto - File XML ministeriale formato D.Lgs. 118/2011 anno 2016

Triennale Lavori Pubblici 2019 / 2021

Triennale Lavori Pubblici 2018 / 2020

Importazione dati da altre software-house compatibili

 

Attivando  nel menu principale  la maschera  "Importazione Dati", ciascuna procedura ricerca nelle directory del computer il programma dell’anno precedente da cui attingere dati,  procedendo automaticamente alla compilazione dei campi.

 

Si consiglia, una volta completata l’operazione di import e prima di procedere alla  compilazione  dei dati non rilevati, di verificare la corretta imputazione dei dati e la loro rispondenza alle scritture contabili dell’ente.

 

 

Analisi del territorio e delle strutture

 

 

Nella maschera devono essere inseriti i dati numerici relativi al territorio secondo l’ordine delle voci indicate nelle seguenti sottomaschere (attivabili attraverso le linguette poste in alto):

 

Territorio: attraverso questa sottomaschera si individua l’area in cui opera (superficie, risorse idriche e strade);

Piani: in questa sottomaschera si individuano le scelte urbanistiche compiute dall’ente e gli insediamenti produttivi nel settore industriale, artigianale e commerciale.

 

Selezionando le singole linguette si entra nella sottomaschera da compilare; cliccando sul campo interessato si procede al caricamento dei dati.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o con il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone .

 

Per annullare eventuali modifiche premere il bottone .

 

 

Analisi delle entrate tributarie

 

 

La maschera consente di effettuare un'analisi delle entrate tributarie per gli anni in esame.

 

Nella prima parte della maschera è richiesto l'inserimento delle varie entrate tributarie, in particolare:

 

bottone  : permette di inserire nuove entrate tributarie;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

Nella seconda parte della maschera  è possibile inserire informazioni aggiuntive nelle apposite sezioni rispettando il numero massimo di caratteri previsti per le seguenti voci:

 

Valutazione dei cespiti immobili, della loro evoluzione nel tempo, dei mezzi utilizzati per accertarli;

Illustrazione delle aliquote applicate e dimosrazione della congruità del gettito iscritto per ciascuna risorsa nel triennio in rapporto ai cespiti imponibili;

Funzionari Responsabili;

Altre considerazioni e vincoli.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Analisi demografica

 

 

Nella maschera vanno inseriti i dati relativi all’andamento demografico (da reperire con l’ausilio del servizio Anagrafe e Stato civile) seguendo l’elenco delle voci indicate nelle quattro sottomaschere, attivabili cliccando sulle relative linguette.

 

Nelle prime tre sottomaschere, "Popolazione", "Popolazione 2014" e "Popolazione ultimo quinquennio", i dati riportati sono puramente numerici e riguardano l’analisi della popolazione legale al censimento del 2011, la popolazione residente alla fine del 2014, la popolazione al 1 gennaio 2014 ed al 31 dicembre 2014 ed il tasso di natalità e di mortalità dell’ultimo quinquennio.

 

L’ultima sottomaschera, Popolazione insediabile, richiede l’inserimento di dati descrittivi riguardanti la popolazione massima insediabile, il livello di istruzione e le condizioni socio-economiche delle famiglie.

 

Selezionando le singole linguette si entra nella sottomaschera da compilare; cliccando sul campo interessato si procede al caricamento dei dati. Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere  con un semplice clic o con il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone .

 

Per annullare eventuali modifiche premere il bottone .

 

 

Approvazione e scadenze PRG / PSC

 

 

La maschera richiede l'inserimento della date di approvazione e di scadenza del Piano Regolatore.

 

Per procedere all’inserimento e/o variazione dei dati basta cliccare sul campo interessato. Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o tramite il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone .

 

 

Aree pubbliche

 

 

La maschera consente di inserire informazioni relative alle aree pubbliche dell'ente.

 

Si compone di tre colonne:

 

Aree pubbliche;

N.;

Kmq.

 

Selezionare il campo interessato e digitare l’informazione richiesta:

 

bottone  : permette di inserire nuovi campi

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

Per procedere all’inserimento e/o variazione dei dati basta cliccare sul campo interessato. Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o tramite il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone .

 

 

Attrezzature

 

 

La maschera consente di inserire informazioni relative alle attrezzature dell'ente.

 

Si compone di tre colonne:

 

Attrezzature;

Specifica;

Quantità.

 

Selezionare il campo interessato e digitare l’informazione richiesta:

 

bottone  : permette di inserire nuovi campi;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o tramite il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone .

 

 

Avanzo / Disavanzo

 

 

Nella prima sezione della maschera vengono inseriti i dati relativi all’utilizzo dell’avanzo di amministrazione tenendo conto delle diverse destinazioni previste dallo stesso legislatore nella Relazione Previsionale e Programmatica. Ci si limita, pertanto, a presentare l’avanzo applicato articolato in:

 

Finanziamento di spese correnti;

Finanziamento di spese in c/capitale a loro volta divise in:

Fondi di ammortamento;

Finanziamento investimenti.

 

Nella seconda sezione si riportano i dati riguardanti l’applicazione del disavanzo di amministrazione al bilancio corrente.

 

Per procedere all’inserimento e/o variazione dei dati basta cliccare sul campo interessato. Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o tramite il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone .

 

Per annullare eventuali modifiche premere il bottone .

 

 

Avanzo / Disavanzo

 

 

Nella prima sezione della maschera vengono inseriti i dati relativi all’utilizzo dell’avanzo di amministrazione tenendo conto delle diverse destinazioni previste dal legislatore. Ci si limita, pertanto, a presentare l’avanzo applicato articolato in:

 

Finanziamento di spese correnti;

Finanziamento di spese in c/capitale a loro volta divise in:

Fondi di ammortamento;

Finanziamento investimenti.

 

Nella seconda sezione si riportano i dati riguardanti l’applicazione del disavanzo di amministrazione al bilancio corrente.

 

Per procedere all’inserimento e/o variazione dei dati basta cliccare sul campo interessato. Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o tramite il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone .

 

Per annullare eventuali modifiche premere il bottone .

 

 

Coerenza dei vincoli del Patto di stabilità

 

 

La maschera consente di indicare i risultati conseguiti/previsti dall'ente per gli anni relativamente al Patto di Stabilità.

 

Si compone di quattro colonne:

 

Annualità;

Obiettivo;

Previsione;

Rispetto del Patto: dal menù a tendina è possibile selezione il risultato conseguito "R" rispettato, "NR" non rispettato, "E" escluso.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o con il tasto TAB della tastiera.

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone .

 

 

Coerenza dei vincoli del Pareggio di Bilancio

 

 

Dal 1° gennaio 2016 il Patto di Stabilità interno è stato sostituito con il nuovo vincolo del pareggio di bilancio di competenza finale. La novità è contenuta nei commi da 707 a 734 dell'articolo 1 della Legge di Stabilità ed applica parzialmente le novità della Legge n. 243/2012 sul pareggio di bilancio costituzionale. Il nuovo pareggio di bilancio di competenza si applica a tutti i Comuni, compresi quelli con meno di mille abitanti finora esclusi dal patto di stabilità, alle Province e Città metropolitane e alle Regioni.

Sono assoggettati al pareggio anche i Comuni istituiti a seguito di fusione dopo il 2011, sono escluse le Unioni.

Il nuovo obbligo richiede di conseguire, ai fini del concorso al contenimento dei saldi di finanza pubblica, un saldo non negativo (anche pari a zero) calcolato in termini di competenza fra le entrate finali (primi 5 titoli del bilancio armonizzato) e le spese finali (primi 3 titoli del nuovo bilancio). Tale saldo può essere eventualmente modificato dall'intervento della Regione. Solo per il 2016, nelle entrate e nelle spese finali è considerato il fondo pluriennale vincolato, d’entrata e di spesa, al netto della quota proveniente dal ricorso all'indebitamento.

 

La mappa si propone di calcolare il Pareggio di bilancio tramite l’inserimento di una serie di voci d’Entrate e Spesa.

Le righe colorate di giallo sono protette e servono a delimitare le informazioni da inserire.

Le righe colorate di verde riportano totali automatici che vengono calcolati dopo l’inserimento dei dati.

 

La mappa si presenta con 5 colonne:

La prima colonna riporta la descrizione della voce esaminata

La seconda colonna riporta il segno delle operazione che sono effettuate

Le ultime tre colonne identificano il triennio in esame.

 

L’ultima riga della tabella “PAREGGIO DI BILANCIO RISPETTATO”, evidenzia l’andamento annuo del Pareggio di Bilancio, se viene riportato un “SI” su sfondo verde, l’ente ha rispettato il Pareggio di bilancio nell’anno in esame, altrimenti se viene riportato un “NO” su sfondo rosso, l’ente non ha rispettato il Pareggio di bilancio nell’anno in esame.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o attraverso il tasto TAB della tastiera.

Tutte le informazioni inserite sono totalmente modificabili: basta cliccare sul campo interessato ed apportare la variazione desiderata.

Per apportare eventuali modifiche, cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone .

 

 

Comparti non residenziali

 

 

La maschera consente di effettuare un'analisi dei piani particolareggiati per i comparti non residenziali.

E' richiesto l'inserimento della superficie territoriale e della superficie edificabile relativamente alle seguenti voci:

 

P.P. previsione totale;

P.P. in corso di attuazione;

P.P. approvati;

P.P. in istruttoria;

P.P. autorizzati;

P.P. non presentati.

 

Tutte le informazioni inserite sono totalmente modificabili: basta cliccare sul campo interessato ed apportare la variazione desiderata.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone .

 

 

Comparti residenziali

 

 

La maschera consente di effettuare un'analisi dei piani particolareggiati per i comparti residenziali.

E' richiesto l'inserimento della superficie territoriale e della superficie edificabile relativamente alle seguenti voci:

 

P.P. previsione totale;

P.P. in corso di attuazione;

P.P. approvati;

P.P. in istruttoria;

P.P. autorizzati;

P.P. non presentati.

 

Tutte le informazioni inserite sono totalmente modificabili: basta cliccare sul campo interessato ed apportare la variazione desiderata.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone .

 

 

Dati Ente

 

 

Nella sezione "Dati Ente" la procedura inserisce in automatico, nei campi di colore grigio, i dati relativi alla tipologia, al nome ed alla provincia dell’ente. Le altre informazioni relative al codice fiscale, all’indirizzo, al responsabile dei Servizi Finanziari, al responsabile del Collegio dei Revisori, al numero e data della delibera di approvazione del Programma Triennale dei Lavori Pubblici e del piano delle alienazioni e valorizzazioni devono essere inserite manualmente.

 

Nella sezione "Stemma ente" la procedura consente di acquisire o eliminare l’immagine dello stemma dell’ente; infatti:

 

il bottone  apre la mappa di selezione file di Windows dalla quale selezionare l’immagine bitmap;

il bottone  elimina lo stemma visualizzato.

 

E’ possibile scegliere se “Nella compilazione della relazione DUP intendo utilizzare i dati previsionali relativi al”:

 Pareggio di Bilancio

Patto di Stabilità

La scelta sopra descritta premetterà al software di adattarsi per accogliere i dati adatti a tale scelta e di organizzare le informazione della relazione DUP in modo adeguato.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone .

 

 

Dati finanziari per equilibri di bilancio

 

 

La maschera richiede l'inserimento di dati integrativi che permettono la disaggregazione dei valori finanziari e facilitano l’analisi degli equilibri di bilancio.

 

Nella prima mappa vengono riportati i valori relativi alle previsioni per gli anni delle seguenti sezioni:

 

Sezione Entrate:

 

Riportare per ciascun anno:

 

Entrate di parte capitale destinate a spese correnti in base a specifiche disposizioni di legge;

Entrate di parte corrente destinate a spese di investimento in base a specifiche disposizioni di legge;

Entrate da accensione di prestiti destinate a estinzione anticipata dei prestiti;

Entrate Titolo 4.02.06 - Contributi agli investimenti direttamente destinati al rimborso dei prestiti da amministrazioni pubbliche.

 

Sezione Spese:

 

Riportare per ciascun anno:

 

Spese Titolo 2.04 - Altri trasferimenti in conto capitale;

Spese Titolo 3.02 per Concessione crediti di breve termine;

Spese Titolo 3.03 per Concessione crediti di medio-lungo termine;

Spese Titolo 3.04 per Altre spese per acquisizioni di attività finanziarie;

Spesa Titolo 4.02 Rimborso prestiti a breve termine.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o con il tasto TAB della tastiera.

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

Per far scorrere la tabella verso l’alto e/o verso il basso utilizzare la barra di scorrimento a destra della tabella.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone .

 

 

Descrizione e finalità delle Missioni

 

 

Le missioni rappresentano le funzioni principali e gli obiettivi strategici perseguiti dalle amministrazioni pubbliche territoriali, utilizzando risorse finanziarie, umane e strumentali ad esse destinate, e sono definite in relazione al riparto di competenze di cui agli articoli 117 e 118 del Titolo V della Costituzione, tenendo conto anche di quelle individuate per il bilancio dello Stato.

 

La maschera si compone di una parte fissa (prima parte) ed una variabile (seconda parte).

Nella prima parte si seleziona la missione di riferimento, nella seconda appaiono i singoli campi da compilare.

Nella seconda parte sono richieste informazioni descrittive quali:

 

Descrizione della Missione;

Finalità;

Risorse strumentali da utilizzare;

Risorse umane da utilizzare.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o con il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone .

 

 

Enti ed organismi strumentali

 

 

La prima parte della maschera permette l’inserimento delle informazioni relative agli enti ed organismi strumentali dell’ente per i tre anni in esame.

 

La procedura di inserimento dei vari organismi è piuttosto semplice:

 

bottone  : permette di inserire nuovi organismi;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

La seconda parte della maschera richiede l'inserimento di elementi di dettaglio in relazione agli enti ed organismi strumentali dell’ente rispettando il numero massimo di caratteri previsti per ciascuna sezione.

 

Tutte le informazioni inserite sono totalmente modificabili: basta cliccare sul campo interessato ed apportare la variazione desiderata.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone .

 

 

Entrate D.Lgs. 118/2011

 

 

La maschera consente l’inserimento dei dati relativi all’entrata per gli anni interessati.

Per l’anno in corso devono essere indicati i valori di competenza e cassa.

Nella prima parte della maschera è possibile selezionare il titolo da compilare:

 

TITOLO 1: Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa;

TITOLO 2: Trasferimenti correnti;

TITOLO 3: Entrate extratributarie;

TITOLO 4: Entrate in conto capitale;

TITOLO 5: Entrate da riduzione di attività finanziarie;

TITOLO 6: Accensione prestiti;

TITOLO 7: Anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere;

TITOLO 9: Entrate per conto terzi e partite di giro.

 

Nella seconda parte della maschera, per ciascun titolo, devono essere inseriti i valori corrispondenti alle tipologie indicate.

 

I campi contraddistinti dal colore giallo, non modificabili direttamente, calcolano in automatico i totali dei singoli titoli.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o con il tasto TAB della tastiera.

 

Per far scorrere la tabella verso l’alto e/o verso il basso utilizzare la barra di scorrimento a destra della tabella.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Entrate di previsione

 

 

La maschera consente l’inserimento dei dati relativi all’entrata per gli anni interessati.

 

I campi contraddistinti dal colore giallo, non modificabili direttamente, calcolano in automatico i totali dei singoli titoli.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o con il tasto TAB della tastiera.

 

Per far scorrere la tabella verso l’alto e/o verso il basso utilizzare la barra di scorrimento a destra della tabella.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Equilibrio del Bilancio

 

 

La prima sezione in esame è il Prospetto riepilogativo degli anni in esame.

 

La prima tabella valorizza per ogni anno in esame solo il totale del Bilancio di competenza.

 

La seconda tabella calcola il Saldo Complessivo degli Equilibri Parziali per ogni anno in esame valorizzando i totali dei bilanci:

 

Bilancio corrente;

Bilancio investimenti;

Bilancio movimento fondi;

Bilancio Partite di giro.

 

La procedura effettua in automatico le verifiche di quadratura dei dati inseriti con riferimento a:

 

Bilancio di competenza;

Bilancio corrente;

Bilancio investimenti;

Bilancio movimento fondi;

Bilancio Partite di giro.

 

Ogni sezione potrà essere valorizzata annualmente tramite gli appositi bottoni che si trovano in basso a sinistra della mappa.

 

Analizziamo in dettaglio la composizione delle singole mappe, attivabili dalle apposite linguette.

 

- Bilancio di competenza

Pone a confronto i titoli di entrata e di spesa del bilancio di competenza evidenziando il rispetto del pareggio finanziario (valore pari a zero nella voce Risultato del bilancio di competenza).

 

- Bilancio corrente

Pone a confronto le voci di entrata e di spesa riferibili al bilancio corrente.

Nella tabella sono riportate le principali voci di entrata e di spesa che costituiscono le componenti elementari del bilancio corrente relative all'anno scelto.

Dopo i titoli di entrata o di spesa direttamente riferibili, sono riproposte le voci di rettifica riferibili al bilancio corrente.

Nella parte bassa in apposito riquadro è riportato il Risultato del Bilancio corrente.

L'equilibrio del bilancio corrente è rispettato nel caso in cui si verifica la relazione:

 

Entrate = Spese

 

In particolare, nella tabella si evidenzia quale è l'apporto di ciascuna entrata e spesa al conseguimento della suddetta eguaglianza.

 

- Bilancio investimenti

Pone a confronto le voci di entrata e di spesa riferibili al bilancio investimenti.

Nella tabella sono riportate le principali voci di entrata e di spesa che costituiscono le componenti elementari del bilancio investimenti  relative all'anno scelto.

Anche la presente maschera propone, dopo i titoli di entrata o di spesa direttamente riferibili, un insieme di voci di rettifica.

Nella parte bassa in apposito riquadro è riportato il Risultato del Bilancio investimenti.

L'equilibrio del bilancio Investimenti è rispettato nel caso in cui si verifica la relazione:

 

Entrate = Spese

 

In particolare, nella tabella si evidenzia quale è l'apporto di ciascuna entrata e spesa al conseguimento della suddetta eguaglianza.

 

- Bilancio movimenti di fondi

Pone a confronto le voci di entrata e di spesa riferibili al bilancio movimento di fondi:

 

le concessioni e le riscossioni di crediti;

i finanziamenti a breve termine e le uscite per la loro restituzione;

le anticipazioni di cassa e i relativi rimborsi.

 

L'equilibrio del Bilancio movimento fondi è rispettato nel caso in cui si verifica la relazione:

 

Entrate = Spese

 

In particolare nella tabella si evidenzia quale è l'apporto di ciascuna entrata e spesa al conseguimento della suddetta eguaglianza.

 

- Bilancio Partite di giro

Il bilancio dei servizi in conto terzi o delle partite di giro, infine, comprende tutte quelle operazioni poste in essere dall'ente in nome e per conto di altri soggetti.

Anche l'equilibrio del Bilancio di terzi è rispettato nel caso in cui si verifica la relazione:

 

Entrate = Spese

 

In particolare nella tabella si evidenzia quale è l'apporto di ciascuna entrata e spesa al conseguimento della suddetta eguaglianza.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Fondo di cassa

 

 

La maschera consente l’inserimento dei dati relativi al Fondo di cassa presunto all’inizio e alla fine del 2019.

 

Cliccando sul campo interessato è possibile inserire o modificare i dati richiesti.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o con il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Fondo Pluriennale Vincolato

 

 

Il fondo pluriennale vincolato è un saldo finanziario costituito da risorse già accertate e le relative obbligazioni passive dell’ente già impegnate ed esigibili in esercizi successivi a quello in cui è accertata l’entrata.

 

Trattasi, quindi, di un saldo finanziario che garantisce la copertura di spese imputate agli esercizi successivi a quello in corso, consentendo:

 

di applicare il nuovo principio della competenza finanziaria;

rendere evidente la distanza temporale intercorrente tra l’acquisizione dei finanziamenti e l’effettivo impiego di tali risorse.

 

Il fondo pluriennale risulta immediatamente utilizzabile, a seguito dell’accertamento delle entrate che lo finanziano, ed è possibile procedere all’impegno delle spese esigibili nell’esercizio in corso (la cui copertura è costituita dalle entrate accertate nel medesimo esercizio finanziario) e all’impegno delle spese esigibili negli esercizi successivi (la cui copertura è effettuata dal fondo).

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere  con un semplice clic o attraverso il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

 

Gestione del patrimonio immobili

 

 

La maschera permette l’inserimento delle informazioni relative alla gestione del patrimonio immobili.

 

La procedura di inserimento dei vari organismi è piuttosto semplice:

 

bottone  : permette di inserire nuovi immobili;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

Tutte le informazioni inserite sono totalmente modificabili: basta cliccare sul campo interessato ed apportare la variazione desiderata.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

 

Gruppo Pubblico Locale - Organismi partecipati

 

 

La prima parte della maschera permette l’inserimento delle informazioni relative agli enti ed organismi strumentali dell’ente per i tre anni in esame.

 

La procedura di inserimento dei vari organismi è piuttosto semplice:

 

bottone  : permette di inserire nuovi organismi;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

La seconda parte della maschera richiede l'inserimento di elementi di dettaglio in relazione agli enti ed organismi strumentali dell’ente rispettando il numero massimo di caratteri previsti per ciascuna sezione.

 

Tutte le informazioni inserite sono totalmente modificabili: basta cliccare sul campo interessato ed apportare la variazione desiderata.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Il reperimento e l'impiego di disponibilità di risorse straordinarie e in conto capitale

 

 

La maschera richiede l'inserimento di voci specifiche relative al reperimento e all’impegno di disponibilità delle risorse straordinarie.

 

E' richiesto l'inserimento di dati per gli anni in esame.

 

Per procedere all’inserimento e/o variazione dei dati basta cliccare sul campo interessato:

 

bottone  : permette di inserire nuovi organismi;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere  con un semplice clic o attraverso il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Impostazioni DUP

 

 

Al fine di agevolare la corretta compilazione delle maschere di caricamento previste nel programma è possibile scegliere, in base alla popolazione, il modello di DUP che si intende redigere.

 

L'Ente ha l'obbligo di fornire i dati previsionali per il prossimo triennio, ma è possibile oscurare i dati della sezione strategica in base alla data di Fine Mandato dell'amministrazione in carica. Questa scelta influenzerà solo la Relazione.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e premere il bottone  .

 

 

Indebitamento

 

 

La maschera richiede l'inserimento di voci specifiche relative alla Tipologia 400: Altre forme di indebitamento (es. accenzione di prestiti per leasing finanziario, derivati, operazioni di cartolarizzazione).

 

E' richiesto l'inserimento di dati per gli anni in esame.

 

Per procedere all’inserimento e/o variazione dei dati basta cliccare sul campo interessato:

 

bottone  : permette di inserire nuovi organismi;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere  con un semplice clic o attraverso il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

LL.PP. da realizzare nel triennio

 

 

La maschera consente di inserire un elencazione dei lavori pubblici che l'ente prevede di realizzare nel triennio 2019-2021.

 

La procedura di inserimento dei vari lavori è piuttosto semplice:

 

bottone  : permette di inserire nuovi lavori da realizzare nel triennio indicato;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

Tutte le informazioni inserite sono totalmente modificabili: basta cliccare sul campo interessato ed apportare la variazione desiderata.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

LL.PP. in corso di realizzazione

 

 

La maschera consente di inserire un elencazione dei lavori pubblici in corso di realizzazione.

 

La procedura di inserimento dei vari lavori è piuttosto semplice:

 

bottone  : permette di inserire nuovi lavori;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

Tutte le informazioni inserite sono totalmente modificabili: basta cliccare sul campo interessato ed apportare la variazione desiderata.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Obiettivi dei Programmi per Missione

 

 

Le missioni rappresentano le funzioni principali e gli obiettivi strategici perseguiti dalle amministrazioni pubbliche territoriali, utilizzando risorse finanziarie, umane e strumentali ad esse destinate, e sono definite in relazione al riparto di competenze di cui agli articoli 117 e 118 del Titolo V della Costituzione, tenendo conto anche di quelle individuate per il bilancio dello Stato.

 

La maschera si compone di una parte fissa (prima parte) ed una variabile (seconda parte).

Nella prima parte si seleziona la missione di riferimento, nella seconda devono essere inseriti gli obiettivi strategici che l' amministrazione intende perseguire entro la fine del mandatoe i relativi programmi.

 

Per procedere all’inserimento e/o variazione dei dati basta cliccare sul campo interessato:

 

bottone  : permette di inserire una nuova voce;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere  con un semplice clic o attraverso il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Obiettivi per Missione

 

 

La maschera si compone di una parte fissa (prima parte) ed una variabile (seconda parte).

Nella prima parte si seleziona la missione di riferimento, nella seconda devono essere inseriti gli obiettivi strategici che l' amministrazione intende perseguire entro la fine del mandato.

 

Per procedere all’inserimento e/o variazione dei dati basta cliccare sul campo interessato:

 

bottone  : permette di inserire un nuovo obiettivo ;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere  con un semplice clic o attraverso il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

P.E.E.P.

 

 

La maschera richiede l'inserimento dei Piani di  edilizia economica popolare, strumenti utilizzati dall'amministrazione comunale per programmare, gestire e pianificare tutti gli interventi riguardanti l'edilizia economica popolare.

 

Per ciascun piano di edilizia economica popolare è necessario indicare:

 

Aria Interessata MQ;

Area disponibile MQ;

N. e Data della delibera

Soggetto attuatore.

 

Per procedere all’inserimento e/o variazione dei dati basta cliccare sul campo interessato:

 

bottone  : permette di inserire nuove voci;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere  con un semplice clic o attraverso il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

P.I.P.

 

 

La maschera richiede l'inserimento dei Piani di insediamento produttivi, strumenti utilizzati dall'amministrazione comunale per acquisire delle aree per insediamenti di carattere industriale, artigianale, commerciale e turistico svolgendo così un'importante funzione di promozione sociale ed imprenditoriale.

Introdotto dall'art. 27, Legge n. 865/1971, acquista piena efficacia normativa solo previa pubblicazione sul bollettino regionale.Per

 

Per ciascun piano di insediamento produttivo è necessario indicare:

 

Aria Interessata MQ;

Area disponibile MQ;

N. e Data della delibera

Soggetto attuatore.

 

Per procedere all’inserimento e/o variazione dei dati basta cliccare sul campo interessato:

 

bottone  : permette di inserire nuove voci;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere  con un semplice clic o attraverso il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Parametri di Deficitarietà

 

 

La maschera richiede l'inserimento dei dati relativi ai parametri di deficitarietà relativamente al triennio in esame.

L'articolo 228 del D.Lgs. n. 267/2000, al comma 5 e seguenti, prevede che "al Conto del bilancio sono annesse la tabella dei parametri di riscontro della situazione di deficitarietà strutturale ...".

 

Per ciascun anno, è possibile selezionare dal menù a tendina:

 

Rispettato;

Non rispettato.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o con il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Parametri di deficitarietà strutturale (Atto di indirizzo)

 

 

La maschera richiede l'inserimento dei dati relativi ai parametri di deficitarietà strutturale (Atto di indirizzo) relativamente al triennio in esame.

 

Per ciascun anno, è possibile selezionare dal menù a tendina:

 

Rispettato;

Non rispettato.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o con il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Personale / Popolazione

 

 

Personale

La maschera richiede informazioni sulla spesa complessiva per il personale ed il numero dei dipendenti per gli anni in esame. Per ogni anno, il programma prevede una colonna differente per il caricamento dei dati.

 

Popolazione

La maschera richiede informazioni sul totale dei residenti nel comune, per gli anni in esame. Per ogni anno, il programma prevede una colonna differente per il caricamento dei dati.

 

Per procedere al caricamento o alla variazione dei dati, basta cliccare sul campo interessato. Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o tramite il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone .

 

Per annullare eventuali modifiche premere il bottone .

 

 

Personalizzazione Importazione

 

 

La maschera permette all'utente di scegliere, per ogni informazione finanziaria, i corrispondente dati annui che si desidera importare, così da ottenere un completa flessibilità di scelta e garantire una corretta importazione dei dati scelti.

 

Suggeriamo di controllare la bontà del dato, ricordando che il Documento Unico di Programmazione e la Nota Integrativa dell'anno precedente possono contenere dati previsionali non ancora consolidati.

 

Per annullare eventuali modifiche premere il bottone .

 

Per procedere all’operazione di import premere il bottone .

 

 

 

Piano delle alienazione e delle valorizzazioni

 

 

La maschera consente di inserire il piano delle alienazioni/valorizzazioni per gli anni in esame.

 

La procedura di inserimento  di un nuovo piano/alienazione è piuttosto semplice:

 

bottone  : permette di inserire nuove voci;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

Per ciascuna voce deve essere indicato:

 

Tipologia;

Azione: dal menù a tendina deve essere selezionato piano o alienazione;

gli importi stimati per gli anni in esame.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o con il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Popolazione - Trend Storico

 

 

La maschera consente di inserire i dati relativi alla composizione della popolazione residente per gli anni in esame.

 

La popolazione viene suddivisa nelle seguenti categorie:

 

In età prescolare (0/6 anni);

In età scuola obbligo (7/14 anni);

In forza lavoro 1ª occupazione (15/29 anni);

in età adulta (30/65 anni);

In età senile (oltre 65 anni).

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o con il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Presupposti della pianificazione urbanistica

 

 

La maschera consente di inserire infomazioni di dettaglio sulla composizione della popolazione residente al fine di poter effettuare una pianificazione urbanistica.

 

La maschera si compone di tre colonne:

 

Descrizione;

Anno di approvazione piano;

Anno di scadenza previsione.

 

Per procedere all’inserimento e/o variazione dei dati basta cliccare sul campo interessato.

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o tramite il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Programma del Fabbisogno del personale

 

 

La maschera consente di inserire la previsione di spesa relativa al personale per gli anni in esame.

gli organi di vertice delle amministrazioni locali sono tenuti alla programmazione triennale del fabbisogno di personale, obbligo non modificato dalla riforma contabile dell’armonizzazione . L’art. 3, comma 5-bis, D.L. 90/2014, convertito dalla L. n. 114/2014, ha introdotto il comma 557-quater alla L. n. 296/2006 che dispone che: 'A decorrere dall'anno 2014 gli enti assicurano, nell'ambito della programmazione triennale dei fabbisogni di personale, il contenimento delle spese di personale con riferimento al valore medio del triennio precedente alla data di entrata in vigore della presente disposizione'.

 

E' richiesto l'inserimento del:

 

Personale in quiescienza;

Personale nuove assunzioni distinguendo:

di cui cat. A;

di cui cat. B;

di cui cat. C;

di cui cat. D.

Composizione del personale in base alla tipologia di contratto:

Personale a tempo determinato;

Personale a tempo indeterminato.

 

Tutte le informazioni inserite sono totalmente modificabili: basta cliccare sul campo interessato ed apportare la variazione desiderata.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Quadro Riassuntivo delle entrate

 

 

La maschera propone un quadro generale riassuntivo delle entrate per gli anni in esame.

 

I campi contraddistinti dal colore giallo, non modificabili direttamente, calcolano in automatico i totali dei singoli titoli.

 

I campi contraddistinti dal colore verde, anch'essi non modificabili direttamente, calcolo i totali delle entrate correnti, delle entrate per spese correnti e delle entrate in conto capitale.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o tramite il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Reti

 

 

La maschera consente di inserire, in modo dettagliato, le caratteristiche delle reti (es. fognaria, acquedotto) dell'ente.

 

I dati richiesti sono:

 

Reti;

Specifica;

Quantità.

 

Selezionare il campo interessato e digitare l’informazione richiesta:

 

bottone  : permette di inserire nuove voci;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

 Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o tramite il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Riepilogo Entrata Spesa

 

 

La maschera propone i valori riepilogativi di entrata e di spesa relativi all’anno 2019 (Bilancio annuale) e, nell’ultima riga, la differenza tra i due campi precedenti.

 

La situazione di equilibrio/disequilibrio è evidenziata dalla colorazione dei campi in cui vengono visualizzati i valori: se lo sfondo è di colore verde, la situazione è in equilibrio; se lo sfondo è di colore rosso la situazione non è in equilibrio.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Risorse assegnate alle Missioni

 

 

Ciascuna missione, in ragione delle esigenze di gestione connesse tanto alle scelte di indirizzo quanto ai vincoli (normativi, tecnici o strutturali), riveste, all’interno del contesto di programmazione, una propria importanza e vede ad esso associati determinati macroaggregati di spesa, che ne misurano l’impatto sia sulla struttura organizzativa dell’ente che sulle entrate che lo finanziano.

L'attenzione dell'amministrazione verso una missione piuttosto che un'altra può essere misurata, inizialmente, dalla quantità di risorse assegnate.

Si tratta di una prima valutazione che deve, di volta in volta, trovare conferma anche tenendo conto della natura della stessa.

 

La maschera richiede l'inserimento delle risorse assegnate alle missioni per gli anni in esame.

 

Per procedere al caricamento o alla variazione dei dati, basta cliccare sul campo interessato. Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o tramite il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Risorse umane - Personale in servizio al 31/12/2015

 

 

La maschera consente di inserire informazioni sul personale previsto ed in servizio indicando la categoria di riferimento.

 

Per procedere all’inserimento e/o variazione dei dati basta cliccare sul campo interessato:

 

bottone  : permette di inserire nuove voci;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere  con un semplice clic o attraverso il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Risultati delle gestioni precedenti

 

 

La maschera consente di effettuare un'analisi finanziaria per gli anni in esame.

 

In particolare, è richiesto l'inserimento dei dati con riferimento al:

 

Risultato di amministrazione;

di cui Fondo cassa al 31/12

Utilizzo anticipazioni di cassa.

 

Per procedere all’inserimento e/o variazione dei dati basta cliccare sul campo interessato. Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o tramite il tasto TAB della tastiera.

 

Per far scorrere la tabella verso l’alto e/o verso il basso utilizzare la barra di scorrimento a destra della tabella.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Servizi a domanda individuale

 

 

La prima parte della maschera riporta l'elenco dei servizi gestiti dall’ente ed erogati in base alla richiesta dei cittadini che ne sostengono solo in parte il costo come: Alberghi, case di riposo e di ricovero, Asili nido, Servizi turistici diversi.

Nel quadro in esame si inseriscono i valori relativi al totale delle entrate per ogni servizio con riferimento agli anni in esame.

 

Nella seconda parte della maschera è richiesto l'inserimento di informazioni di dettaglio su ogni singolo servizio:

 

modalità di gestione (diretta, affidamento a terzi, società del gruppo pubblico locale);

indirizzi tariffari (diritti, tariffe stabili);

specifiche.

 

Per procedere al caricamento o alla variazione dei dati, basta cliccare sul campo interessato. Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere o con un semplice clic o tramite il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e premere il bottone  .

 

 

Servizi Istituzionali

 

 

La prima parte della maschera riporta l'elenco dei obbligatori previsti dalla legge come: Organi istituzionali, Amministrazione generale e elettorale, Ufficio tecnico, Anagrafe e stato civile, ecc., il cui costo viene totalmente finanziato da entrate generiche dell'ente.

Nel quadro in esame si inseriscono i valori relativi al totale delle entrate per ogni servizio con riferimento agli anni in esame.

 

Nella seconda parte della maschera è richiesto l'inserimento di informazioni di dettaglio su ogni singolo servizio:

 

modalità di gestione (diretta, affidamento a terzi, società del gruppo pubblico locale);

indirizzi tariffari (diritti, tariffe stabili);

specifiche.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere  con un semplice clic o attraverso il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e premere il bottone  .

 

 

Servizi Produttivi

 

 

La prima parte della maschera riporta l'elenco dei servizi gestiti dall’ente ed erogati su richiesta dei cittadini che ne sostengono per intero il costo, come: Acquedotto, Distribuzione gas, Distribuzione energia elettrica, Trasporti pubblici, ecc.

Nel quadro in esame si inseriscono i valori relativi al totale delle entrate per ogni servizio con riferimento agli anni in esame.

 

Nella seconda parte della maschera è richiesto l'inserimento di informazioni di dettaglio su ogni singolo servizio:

 

modalità di gestione (diretta, affidamento a terzi, società del gruppo pubblico locale);

indirizzi tariffari (diritti, tariffe stabili);

specifiche.

 

Per procedere al caricamento o alla variazione dei dati, basta cliccare sul campo interessato. Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere o con un semplice clic o tramite il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e premere il bottone  .

 

 

Sostenibilità e andamento tendenziale dell'indebitamento

 

 

La maschera consente di inserire informazioni sulla sostenibilità e sull’andamento tendenziale dell’indebitamento.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere  con un semplice clic o attraverso il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Spese D.Lgs. 118/2011

 

 

Il nuovo schema di bilancio prevede un’articolazione della spesa in missioni e programmi dove le missioni rappresentano le funzioni principali e gli obiettivi strategici perseguiti dalle amministrazioni mentre i programmi rappresentano gli aggregati omogenei di attività volte a perseguire gli obiettivi definiti nell’ambito delle missioni.

 

La maschera consente l’inserimento dei dati relativi alle spese per gli anni interessati selezionando nella prima parte della stessa la missione da compilare e procedendo poi all’inserimento dei dati richiesti.

 

I campi contraddistinti dal colore giallo, non modificabili direttamente, calcolano in automatico i totali di ogni singolo programma e/o missione

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o con il tasto TAB della tastiera.

 

Per far scorrere la tabella verso l’alto e/o verso il basso utilizzare la barra di scorrimento a destra della tabella.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Spese di previsione

 

 

Il nuovo schema di bilancio prevede un’articolazione della spesa in missioni e programmi dove le missioni rappresentano le funzioni principali e gli obiettivi strategici perseguiti dalle amministrazioni mentre i programmi rappresentano gli aggregati omogenei di attività volte a perseguire gli obiettivi definiti nell’ambito delle missioni.

 

La maschera consente l’inserimento dei dati relativi alle spese per gli anni interessati selezionando nella prima parte della stessa la missione da compilare e procedendo poi all’inserimento dei dati richiesti.

 

I campi contraddistinti dal colore giallo, non modificabili direttamente, calcolano in automatico i totali di ogni singolo programma e/o missione

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o con il tasto TAB della tastiera.

 

 

Per far scorrere la tabella verso l’alto e/o verso il basso utilizzare la barra di scorrimento a destra della tabella.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Spese per macroaggregati

 

 

Il D.Lgs. 23 giugno 2011, n.118 ha introdotto i Macroaggregati che sono collocati all’interno di ciascun Programma e sono l’equivalente degli "Interventi" del D.Lgs. 267/2000 in quanto suddividono la spesa secondo la natura economica della stessa.

La maschera riporta i valori relativi ai macroaggregati dei Titoli I, II, III e IV della Spesa con riferimento agli anni in esame.

 

Per procedere all’inserimento e/o variazione dei dati basta cliccare sul campo interessato.

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o tramite il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Strumenti di pianificazione adottati

 

 

La maschera consente di inserire un'elencazione degli strumenti di pianificazione/programmazione adottati dall'ente

 

L'inserimento dei dati è molto semplice ed intuitivo:

 

bottone  : permette di inserire nuove voci;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

Tutte le informazioni inserite sono totalmente modificabili: basta cliccare sul campo interessato ed apportare la variazione desiderata.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Strumenti di programmazione negoziata

 

 

L’Accordo di Programma ha lo scopo di definire e attuare, in modo coordinato, i processi per la realizzazione di opere pubbliche sul territorio degli Enti territorialmente interessati allo sviluppo delle iniziative.

 

Nella prima parte della maschera è possibile inserire nuovi accordi di programma indicando:

 

la durata;

la data di sottoscrizione;

gli impegni finanziari.

 

La procedura di inserimento dei dati è molto semplice:

 

bottone  : permette di inserire nuove voci;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

La seconda parte della maschera richiede l'inserimento di informazioni di dettaglio: in particolare è richiesto l'inserimento della tipologia di accordo, dell'oggetto, dei soggetti partecipanti e l'indicazione se l'accordo è attivo o previsto.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o tramite il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Immobili dell'ente

 

 

La maschera richiede i dati relativi ai cespiti dell’ente destinati all’erogazione dei servizi (Aree verdi, parchi, giardini, Punti luce illuminazione pubblica)

 

Si compone di tre colonne:

 

Infrastrutture;

n.;

mq.

 

L'inserimento dei dati è molto semplice ed intuitivo:

 

bottone  : permette di inserire nuove voci;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

Tutte le informazioni inserite sono totalmente modificabili: basta cliccare sul campo interessato ed apportare la variazione desiderata.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Strutture scolastiche

 

 

La maschera richiede l'inserimento dei dati relativi ai cespiti dell’ente destinati a sede di scuole dell'infanzia, primarie e secondarie di primo grado.

 

Si compone di tre colonne:

 

Strutture scolastiche;

n.;

n. posti.

 

L'inserimento dei dati è molto semplice ed intuitivo:

 

bottone  : permette di inserire nuove voci;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

Tutte le informazioni inserite sono totalmente modificabili: basta cliccare sul campo interessato ed apportare la variazione desiderata.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Superfici del piano vigente

 

 

La maschera consente di inserire infomazioni di dettaglio sulle nuove superfici previste nel piano vigente.

 

Si compone di tre colonne:

 

Ambiti della pianificazione;

Nuove superfici realizzate;

Nuove superfici da realizzare.

 

L'inserimento dei dati è molto semplice ed intuitivo:

 

bottone  : permette di inserire nuove voci;

bottone  : permette di eliminare la riga del campo selezionato;

bottone  : permette di spostare verso l’alto la riga del selezionato;

bottone  : permette di spostare verso il basso la riga del campo selezionato.

 

Tutte le informazioni inserite sono totalmente modificabili: basta cliccare sul campo interessato ed apportare la variazione desiderata.

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o tramite il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

Verifica Avanzo Presunto

 

 

La maschera evidenzia le risultanze presuntive della gestione dell’esercizio precedente a quello a cui si riferisce il bilancio di previsione e consente l’elaborazione di previsioni coerenti con tali risultati.

Per procedere al caricamento o alla variazione dei dati, basta cliccare sul campo interessato.

 

Per spostare il cursore nei campi successivi si può procedere con un semplice clic o tramite il tasto TAB della tastiera.

 

Per apportare eventuali modifiche cliccare sul campo interessato, procedere alla variazione e/o all’inserimento del nuovo dato e premere il bottone  .

 

 

GUIDA OPERATIVA GENERALE

 

 

Utilità

 

 

Queste funzionalità sono attivabili dal menu “Utilità” della mappa principale e per la spiegazione si fa rimando alla guida operativa generale.

Guida Operativa Generale

 

 

Help

 

 

Queste funzionalità sono attivabili dal menu “Help” della mappa principale e per la spiegazione si fa rimando alla guida operativa generale.

Guida Operativa Generale

 

 

Internet

 

 

Queste funzionalità sono attivabili dal menu “Internet” della mappa principale e per la spiegazione si fa rimando alla guida operativa generale.

Guida Operativa Generale

 

 

 

Avvertenze

 

 

Per le AVVERTENZE si fa rimando alla guida operativa generale.

Guida Operativa Generale